05.05.2022 – Santa Messa a Milano. Il riconoscimento di Gesù, come presenza che agisce e incoraggia

Giovedì 5 maggio 2022 i Cavalieri della Delegazione Lombardia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio si sono ritrovati al consueto appuntamento mensile nella Chiesa di San Sepolcro a Milano per partecipare alla Santa Messa officiata dal Cappellano Prof. Dott. Don Maurizio Ormas, membro del Comitato Scientifico della Scuola di Formazione socio-politica dell’Arcidiocesi di Milano, già docente di Magistero Sociale presso la Pontificia Università Lateranense a Roma, in presenza del Delegato Vicario Cav. Dott. Ing. Gilberto Spinardi.

La partecipazione dei Cavalieri è stata numerosa nonostante l’annullamento della consueta successiva conferenza e delle avverse condizioni meteorologiche, “dimostrazione dell’attaccamento all’Ordine e del valore della nostra fratellanza che ci riunisce nel Signore”, ha sottolineato Don Ormas.

Un Ordine non è una semplice associazione legata da una comunanza di interessi, ha evidenzia Don Ormas nella sua omelia, ma è una appartenenza reciproca. Ha spiegato che la parola “Ordine” è esemplata sull’Ordine per eccellenza, quello Sacro Sacerdotale, per cui questa parola, nella Sacra Milizia, ricalca l’Ordine Sacerdotale, riunendo i membri in un vero e proprio legame, senza limitarsi al semplice accostamento.

Commentando il Vangelo del giorno (Gv 6, 16-21) - nel quale Gesù apparve ai discepoli smarriti nel mare in tempesta, dove spaventati faticarono persino a riconoscerlo mentre camminava sulle acque - analogamente in questo delicato periodo che sta attraversando la Chiesa, abbiamo prima di tutto il bisogno di rinnovare il riconoscimento di Gesù senza timore, come presenza che agisce e ci incoraggia, in tutti gli ambiti, anche nell’Ordine Costantiniano. Anche i membri della Sacra Milizia, in questo mare tempestoso dei tempi difficili che stiamo vivendo – ha sottolineato Don Ormas - hanno bisogno di giungere presto a riva in un porto sicuro, come accadde ai discepoli, quando Gesù sali sulla loro barca. L’Ordine Costantiniano può essere proprio quel luogo sicuro di riferimento, dove calmare tutti i litigi e incomprensioni della vita quotidiana, incontrando la stima e l'amicizia dei Confratelli. Il compito dei Cavalieri quindi è anche quello di dare sostegno e attenzione all'altro. In conclusione, Don Ormas ha chiesto di pregare il Signore affinché i Confratelli possono vivere questi legami che li uniscono nella Sacra Milizia, con sempre nuova libertà e sempre nuova profondità.

Al termine della Santa Messa il Delegato Vicario ha ringraziato Don Maurizio Ormas per l’illuminazione su questo importante particolare che unisce i Cavalieri Costantiniani e, facendo proprie le sue parole, ha sottolineato l’importanza degli incontri. A tal proposito ha ricordato il pellegrinaggio al Santuario della Madonna delle Lacrime a Treviglio, previsto il 21 maggio prossimo, con la visita alla Pala d’Altare, capolavoro del Rinascimento lombardo. Con l’occasione sarà possibile lucrare un’indulgenza plenaria attraversando in processione la Porta Santa dell’Anno Santo.

Archivio
Cerca per tag