21.10.2019 - Convegno sul legame tra Monastero di San Domenico a Sora e Ferdinando II di Borbone

Lunedì 21 ottobre 2019 alle ore 18.30 nella Sala Corrier dell’Abbazia di San Domenico Abate a Sora in Provincia di Frosinone si è svolto un momento di ricerca storica e di riflessione sul legame cordiale tra il Monastero di San Domenico e il penultimo re delle Due Sicilie Ferdinando II di Borbone agli albori dei movimenti per l’Unità d’Italia. L’evento è stato organizzato dal Centro di Studi Sorani “Vincenzo Patriarca”, promosso dalla Delegazione della Tuscia e Sabina del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio e curato dalla comunità monastica dell’Abbazia di San Domenico Abate in occasione del 160̊ anniversario della morte di Re Ferdinando II. Hanno preso la parola: il Nob. Avv. Roberto Saccarello, Cavaliere di Gran Croce Jure Sanguinis, Delegato della Tuscia e Sabina del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio che ha porso il saluto agli intervenuti; Rev. Prof. Padre Pierdomenico Volpi, O. Cist., Cappellano di Merito del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio che ha presentato la ricerca storica: “Ferdinando II e il Monastero di San Domenico”; Prof. Giacomo Cellucci, Postulante del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio che ha illustrato il clima spirituale all’interno della Corte di Napoli: “Ferdinando II e Maria Cristina di Savoia.


Ferdinando Carlo Maria di Borbone nacque a Palermo il 12 gennaio 1810 e morì a Caserta il 22 maggio 1859 fu re del Regno delle Due Sicilie dall'8 novembre 1830 al 22 maggio 1859. Succedette al padre Francesco I in giovanissima età e fu autore di un radicale processo di risanamento delle finanze del Regno. Sotto il suo dominio, il Regno delle Due Sicilie conobbe una serie di timide riforme burocratiche e innovazioni in campo tecnologico (come la costruzione della Ferrovia Napoli-Portici, prima in Italia, e la creazione di alcuni impianti industriali, come le Officine di Pietrarsa). Diede inoltre grande impulso alla creazione della Marina Militare e mercantile, nel tentativo di aumentare gli scambi con l'estero. Il suo regno fu sconvolto dai moti rivoluzionari del 1848. Alla sua morte, il trono passò al figlio Francesco II delle Due Sicilie, sotto il cui governo avrà termine la storia delle Due Sicilie, ricongiunte al Regno d'Italia in seguito alla Spedizione dei Mille e all'intervento piemontese. L'abbazia cistercense di San Domenico Abate nel comune di Sora in provincia di Frosinone, alla confluenza del fiume Fibreno col fiume Liri fu fondata nella prima metà del secolo XI sulle rovine della villa natale di Marco Tullio Cicerone, dal benedettino San Domenico Abate su commissione del Governatore di Sora e di Arpino Pietro di Rainiero e di Doda sua moglie. Dall’inzio del secolo XII il monastero è legato all’Abbazia di Casamari. L’arrivo della monarchia sabauda sconvolse per l’ennesima volta la vita dell’abbazia: con decreto del 17 gennaio 1861, intimato il 9 gennaio 1865, essa fu acquisita, de iure, dal demanio insieme a tutti i suoi beni ed i monaci vennero espulsi con la forza il 18 dicembre 1865. Solo dopo una lunga e tormentata causa, il 20 novembre 1870 l’incameramento fu dichiarato illegittimo, perché il monastero e i suoi beni costituivano un ”beneficio curato” di appartenenza al Capitolo Vaticano per disposizione del Re Ferdinando II delle Due Sicilie e per concessione di Papa Pio IX con la bolla Ineluctabilis devotionis dell’11 marzo 1850. Il monastero e i beni vennero formalmente riconsegnati il 31 gennaio 1871 [ https://www.sandomenicoabate.it/ ]

Archivio
Cerca per tag

© 2020 Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio

Real Commissione per l'Italia 

S i t o   U f f i c i a l e

  • Facebook App Icon
  • Youtube