27.11.2021 – Ritiro spirituale della Delegazione Marche e Romagna e Pellegrinaggio a Loreto

Si svolgerà sabato 27 novembre 2021 l’ultimo incontro dell’anno della Delegazione per le Marche e la Romagna del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, con un Ritiro spirituale e Pellegrinaggio a Loreto, che permetterà ai partecipanti di usufruire dei benefici del Giubileo Lauretano ancora in corso. Ne ha dato notizia ai Cavalieri, alle Dame, ai Postulanti e agli Amici della Sacra Milizia Costantiniana il Delegato per le Marche e la Romagna, il Nob. Carlo dei Conti Cicconi Massi, Cavaliere Jure Sanguinis con Placca d’Oro.

Durante le consuete riflessioni spirituali si ascolterà la parola del Cappellano di Delegazione, Mons. Umberto Gasparini, Cappellano di Merito.

Dopo il pranzo presso il locale “Il Girarrosto”, nel pomeriggio i partecipanti si recheranno in Curia per incontrare per un saluto e gli auguri pre natalizi l’Arcivescovo Delegato Pontificio di Loreto, Mons. Fabio Dal Cin.

Poi, alle ore 18.30 verrà officiata la Santa Messa nella Basilica Pontificia della Santa Casa, uno dei principali luoghi di venerazione di Maria e tra i più importanti e visitati santuari mariani della Chiesa Cattolica Romana, che sorge a Loreto in piazza della Madonna, a 127 metri s.l.m., al termine della via Lauretana.

All'interno della basilica, i pellegrini rendono culto di devozione verso i resti di quella che secondo la tradizione è la Santa Casa di Nazareth, dove visse Gesù. A questa famosa basilica è collegata la devozione per Maria Madre di Gesù che ha l'iconografia culturale e storica della Vergine Lauretana, Patrona dell'Aviazione.

La statua della Madonna di Loreto, detta anche Vergine Lauretana fin dal secolo XVI, si venera nella Santa Casa nel Santuario Pontificio della città marchigiana. La scultura è rivestita di un caratteristico manto ingioiellato detto dalmatica. Si tratta di una Madonna nera, il Suo volto è scuro, comune alle icone più antiche, dovuto spesso al fumo delle lampade ad olio e delle candele o a cambiamenti chimici subiti dai colori originari. In alcuni casi sono rappresentate appositamente nere, a ispirazione del Cantico dei cantici dove si dice: “Bruna sono, ma bella” e più avanti, rivolgendosi alle amiche: “Non state a guardare che sono bruna perché mi ha abbronzata il sole” (1, 5-6), ed in questo caso il Sole è considerato simboleggiare la figura di Dio.

Tra i numerosi personaggi e santi che hanno fatto visita alla Santa Casa di Loreto, si ricordano Santa Camilla Battista da Varano, Santa Thérèse di Lisieux, Santa Gianna Beretta Molla, e tra i papi che hanno visitato la basilica vi sono San Giovanni XXIII, San Giovanni Paolo II, Papa emerito Benedetto XVI e Papa Francesco.



Al termine della recita del Santo Rosario della Veglia dell’Assunta, Mons. Fabio Dal Cin ha annunciato con gratitudine che Papa Francesco ha concesso la proroga del Giubileo Lauretano, legato ai cento anni della proclamazione della Madonna di Loreto Patrona di tutti gli aeronauti, fino al 10 dicembre 2021. “Esprimo al Santo Padre – ha afferma l’Arcivescovo Prelato di Loreto - la sentita gratitudine, mia personale, di tutta l’Aeronautica militare e civile, di tutti i fedeli, loretani, pellegrini e devoti della Santa Casa per questo grande dono. In questo tempo difficile per l’umanità, la Santa Madre Chiesa ci dona altri dodici mesi per ripartire da Cristo, lasciandoci accompagnare da Maria, segno per tutti di consolazione e di sicura speranza”.

Il Giubileo Lauretano, iniziato ufficialmente con l’apertura della Porta Santa l’8 dicembre 2019, alla presenza del Cardinal Segretario di Stato Pietro Parolin, è stato rinnovato così per altri dodici mesi l’esperienza di grazia e perdono per tutti i fedeli che vengono al Santuario Pontificio. Grazia che si estende anche alle tante cappelle degli aeroporti civili e alle basi dell’aeronautica militare del mondo.

“In questo anno - ha continuato Mons. Dal Cin - il Santo Padre ha manifestato più volte la sua vicinanza al Santuario della Santa Casa: nella sua visita del 25 marzo 2019 dove firmò l’Esortazione apostolica ai giovani Christus vivit; nella concessione e proroga del Giubileo Lauretano; nell’iscrizione al 10 dicembre nel calendario romano della memoria facoltativa della Beata Vergine di Loreto; e infine con l’inserimento nelle Litanie Lauretane di tre nuove invocazioni: Mater Misericordiae, Mater Spei e Solacium migrantium”.

Archivio
Cerca per tag