30.09.2022 – La Santa Messa per l’esaltazione della Santa Croce a San Marino

La Real Commissione per la Serenissima Repubblica di San Marino del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, venerdì 30 settembre 2022 presso la Chiesa di Francesco entro le mura della città antica nella Repubblica di San Marino in Contrada San Francesco, ha celebrato la Santa Messa per la ricorrenza della esaltazione della Santa Croce, presieduta dal Cappellano Don Marco Scandelli, concelebrante il Confratello Don Tiziano Zoli, dedicandola ai confratelli e alle consorelle, agli amici e alle loro rispettive famiglie.

Sopra l’altare, Cristo morto con San Francesco e Santa Apollonia con sopra Santa Veronica, fine secolo XV.

Al termine del Sacro Rito, Il Segretario della Delegazione di San Marino, il Cav. Luca Amadori ha recitato unitamente ai concelebranti, al Delegato, alle consorelle monache, ai Cavalieri e alle Dame, e a tutti i presenti la preghiera del Cavaliere Costantiniano. Il Delegato, Cav. Dott. Cesare Tabarrini, anche a nome del Presidente della Real Commissione per la Serenissima Repubblica di San Merino, S.E. il Duca Don Diego de Vargas Manchuca, ha consegnato al confratello Don Tiziano Zoli un dono in occasione della ricorrenza del 25° di Prima Messa.

Abside, SS. Crocifisso, inizio secolo XIII.

Nello spirito con cui si celebra la ricorrenza, il Confratello Don Tiziano Zoli ha posto sull’altare una preziosa reliquia, una pietra del Golgota dal punto esatto ove era stata innalzata la Santa Croce della crocifissione di Nostro Signore Gesù Cristo. Nel tempo moderno, questa celebrazione assume un significato ben più alto del semplice seppur straordinario ritrovamento della Santa Croce da parte di Elena, la madre dell’Imperatore Costantino. La glorificazione di Cristo passa attraverso il supplizio della croce e l’antitesi sofferenza-glorificazione diventa fondamentale nella storia della Redenzione: Cristo, incarnato nella sua realtà concreta umano-divina, si sottomette volontariamente all’umiliante condizione di schiavo (la morte in croce, dal latino “crux”, cioè tormento, era riservata agli schiavi) e l’infamante supplizio viene tramutato in gloria imperitura. Così la croce diventa il simbolo e il compendio della religione Cristiana.

La Chiesa di San Francesco

La costruzione della più antica chiesa di San Marino venne cominciata nel 1351 e terminata verso il 1400, usando i materiali della chiesa e del convento soppresso.

Il rosone fu coperto nel seicento ma è stato riportato alla luce nell'ultima ristrutturazione eseguita da Gino Zani che l'ha riportata in gran parte alle linee originarie.

Alla costruzione parteciparono sia maestranze sammarinesi che comacine, infatti vi figurano i nomi di Mastro Battista da Como e Mastro Manetto Sammarinese.

Nell'attiguo Museo Pinacoteca San Francesco, collezione di quadri e arta sacra, inaugurata nel 1966, opere del XVI secolo di Guercino, Gerolamo Marchesi da Cotignola e Nicolò Liberatore detto l’Alunno sono esposte sotto il colonnato del chiostro dell’antico convento francescano, risalente al 1400.

Archivio
Cerca per tag